Sostieni il restauro di San Folco

Raccolta fondi per il restauro della navata centrale

Don Giuseppe Rizzo Imprenditorialità sociale dicembre 18, 2021 at 12:28 pm
€20.00
Risorse necessarie € 80.000
1
Sostenitori
150
Giorni mancanti
Sostieni Adesso
ex disposizioni per la raccolta del risparmio dei soggetti diversi dalle banche
Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter
  • Descrizione
  • Documenti
  • Commenti
  • Sostenitori

Descrizione del progetto

btn_donate_LG

La campagna crowdfunding “Sostieni il restauro di San Folco” nasce grazie alla volontà e lungimiranza del parroco Don Giuseppe Rizzo e di tutta la comunità parrocchiale di Santopadre, con l’intento di raccogliere, visto il momento economico difficile, le risorse necessarie per finanziare i lavori di restauro della navata centrale della chiesa di San Folco Pellegrino, edificio caro agli abitanti del piccolo paese in provincia di Frosinone.

La Chiesa, dietro una facciata semplice, nasconde un interno con un ricco apparato decorativo con tre navate a volta e sette cappelle in cui troviamo altari preziosi, affreschi raffiguranti scene della vita del Santo Patrono, altorilievi, bassorilievi e finissimi stucchi. Tuttavia a causa di  passate infiltrazioni di acqua meteorica, umidità di risalita, lo stato di conservazione risulta essere compromesso da efflorescenze saline, crepe, esfoliazioni, lacune, fenomeni di degrado di varia entità e natura. Da un esame visivo si evince che gli intonaci tinteggiati, i dipinti murali e gli stucchi hanno gravi e vari problemi di conservazione. Innanzitutto, si osservano molti punti di possibili distacchi dell’intonaco, anche con porzioni di intonaco caduti e in pericolo di caduta, distacchi e sollevamenti della pellicola pittorica. Questo fa supporre che siano presenti e
diffusi gravi problemi di coesione della pellicola pittorica e dell’intonaco.

San Folco 2  San Folco 3 San Folco 4

Costi dell’intervento e obiettivi da raggiungere

L’importo dei lavori è di circa 80.000 euro. Il progetto è già stato autorizzato dalla Diocesi e  dagli enti pubblici di tutela. L’obiettivo iniziale di questa campagna è aiutare Don Giuseppe a raccogliere le risorse necessarie per avviare i lavori di restauro. L’ obiettivo della campagna è di raccogliere i fondi che concorreranno alla copertura delle spese a carico della parrocchia per le seguenti voci di computo metrico estimativo:

  • rimozione depositi incoerenti
  • pre-consolidamento degli intonaci e della pellicola pittorica
  • pulitura chimica per rimuovere i depositi coerenti
  • estrazione sali solubili
  • rimozione meccanica di scialbi a tinta neutra
  • rimozione di vecchie e inidonee stuccature
  • consolidamento dei sollevamenti della pellicola pittorica
  • riadesione dell’intonachino e degli strati di preparazione alla struttura muraria
  • stuccatura delle lesioni e delle mancanze e integrazione plastica
  • reintegrazione cromatica

Ora, per procedere, abbiamo bisogno del tuo aiuto! Puoi cliccare sull’immagine “donazione” presente a inizio di questa descrizione per donare tramite PayPal, oppure cliccando in alto a destra sul tasto “SOSTIENI ADESSO”. In questo caso autorizzerai il team di Sociallending a contattarti via mail e soprattutto ti indicherà tutte le modalità digitali e non, previste per sostenere la raccolta fondi. 

La sfida non si limita alla raccolta di denaro per restaurare la bella navata centrale di questa Chiesa, ma va ben oltre: stiamo cercando di validare un modello da applicare ad altri casi simili per replicare questa esperienza anche su altre realtà parrocchiali nella nostra Diocesi di Sora, Cassino, Aquino, Pontecorvo. Il percorso che abbiamo fatto per arrivare fino a te, è un’organizzazione della campagna di raccolta fondi che ha richiesto un impegno notevole, molto tempo, tante energie e il risultato lo vogliamo condividere con te, per felicitarcene insieme.

Vuoi saperne di più sulla chiesa di San Folco Pellegrino a Santopadre? 

San-Folco-1

Il nome attuale di Santopadre è dovuto alla devozione nei confronti di San Folco, eremita vissuto nei pressi del paese e attuale Patrono. Elemento centrale di questa realtà urbana è la Chiesa parrocchiale di San Folco Pellegrino, luogo di culto e di aggregazione di tutta la comunità. Questo edificio fu certamente eretto sui resti di una preesistente costruzione di epoca romana. La sua pianta, originariamente, aveva una forma quadrata in puro stile rinascimentale ed è suddivisa in tre navate. L’intervento più incisivo nella storia di questa costruzione è stata la sua trasformazione in edificio in stile barocco (tra il 1700 e il 1750 sono documentati lavori di aggiunte di stucchi e cornici sulla navata centrale da parte delle confraternite locali, nonché la realizzazione di quattro altari laterali in stile). Chiamare “Monumento” la Chiesa di San Folco Pellegrino”, paragonandola così ad Opere imponenti e di incontestabile sacralità artistica è osare di presunzione. Non di meno se caliamo i parametri di valutazione nel contesto sociale nel quale ogni opera si colloca, essi si differenziano concettualmente di fronte alla reale fruibilità di ciò che viene definito o definibile “Monumento”.

Se accettiamo la definizione di “monumento” come “opera di importanza notevole per le arti, la storia, la letteratura di un Paese o di un popolo”, anche un modesto esempio, qual è la “Chiesa parrocchiale di San Folco”, può in qualche modo assolvere a questo compito. Essa infatti rappresenta, per il contesto sociale nel quale opera un elemento di fondamentale importanza come luogo di culto e di aggregazione.

San Folco 5

Il progetto dei lavori di restauro è improntato, nelle sue scelte metodologiche al recupero totale delle qualità storico – artistiche del contesto, dopo aver dato priorità assoluta, al recupero e alla conservazione dell’edificio di culto con interventi mirati e specifici, per riportare l’intero edificio in una condizione di stabilità statica e sismica, si passa a interventi di recupero degli elementi pittorici e architettonici presenti al suo interno.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Scrivi il tuo primo Commento

wpDiscuz